Home

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Recentemente il decisore politico ha abolito le sanzioni previste per gli alunni delle scuole elementari previste da un Regio Decreto del 1928, contemporaneamente è stata disposta la reintroduzione dell’insegnamento di educazione civica che dovrà essere inserito a “costo zero”, in pratica sottraendolo al monte ore delle altre materie senza aggiungere alcuna risorsa in più.

 

Tuttavia, il legislatore non ha toccato un altro punto caldo della scuola: i comportamenti aggressivi e la colpa in educando di non pochi genitori. Il Ministero dell’Istruzione quasi mai agisce nei confronti delle persone che offendono, minacciano e aggrediscono i docenti. Noi della Gilda lo facciamo comunque, ma in proprio e senza remora. Non è tutto, il Ministero mai agisce legalmente per chiedere ai genitori, responsabili delle azioni dei loro figli, la refusione dei danni per le azioni di prevaricazione e di danneggiamento commesse da un esercito di bulletti sostenuti e difesi dalle loro famiglie, alcune delle quali pretendono di decidere e sindacare in merito alle attività proprie dei docenti. Ignorano che la libertà di insegnamento è garantita dalla Costituzione e pretendono di avere voce in capitolo.

Contemporaneamente i docenti oltre ad essere vittime di comportamenti inammissibili, talvolta anche delinquenziali, di genitori e alunni sono anche sottoposti ad un’impropria “vigilanza” disciplinare da parte dei dirigenti scolastici, i quali per qualsiasi inezia possono arrivare a comminare sanzioni. Fortunatamente quando si arriva in Tribunale spesso perdono e anche goffamente.

Spesso le vittime di questo andazzo sono quegli insegnanti che maggiormente resistono e reagiscono alle prepotenze di certi studenti e genitori, che oggi sono spesso considerati clienti “che hanno sempre ragione”, ciò in barba all’autorità del docente che fino a prova contraria è pubblico ufficiale.

Purtroppo il Ministero dell’Istruzione non censisce nemmeno le procedure di questo tipo, sono di sua competenza solo quelle che possono superare i 10 giorni di sospensione.

A tutto ciò si aggiunge che una grande quantità docenti precari e non, moltissimi laureati e specializzati, che ricevono una paga che si avvicina alle soglie della povertà e in più devono anche sopportare soggetti che pretendono di entrare a scuola e decidere senza averne titolo.

Salvatore Pizzo

Coordinatore Gilda degli Insegnanti Piacenza e Parma