Home

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

lampeggianteLa Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza continua con fierezza, sola contro molti, la propria opera di quotidiano contrasto all’ingiusta disparità di trattamento disciplinare che subisce il corpo docente del nostro territorio.

 

L’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia Romagna persiste nell’agire con il massimo della durezza possibile quando i destinatari di certi atti sono gli insegnanti, contemporaneamente nei confronti dei dirigenti scolastici sceglie di essere mite se non assente.

Pretendiamo che si trattino allo stesso modo tutti i dipendenti, una semplice modalità che non costa nulla e che servirebbe a creare un clima positivo e non astioso, ma chi di dovere preferisce non sentire

A questo punto l’andazzo attuale è da considerare una scelta non solo tecnica da contrastare con l’arma del contenzioso, ma anche un problema politico.

Recenti episodi (disciplinari e non) che riguardano i dirigenti scolastici parmensi e piacentini dimostrano che l’Usr necessita di un cambiamento al vertice questi gli ultimi esempi:

la mancata volontà di rendere centralizzate con una convocazione pubblica le nomine del 2° grado a Piacenza, ponendo molti dubbi che esporremo alla Procura della Repubblica ; il rifiuto di fornire le “graduatorie incrociate” usate per le nomine di tutti gli ordini a Parma; contatti impropri tra certi ds ed alcuni esponenti politico/istituzionali; rifiuto di certi ds di adempiere anche ai più semplici obblighi, come la comunicazione del piano annuale delle attività alle OS e l’informativa sugli organici d’istituto. In ultimo segnaliamo che nel Piano Regionale di Valutazione dei Ds nulla è previsto affinchè questa componente minoritaria venga incentivata a creare un proficuo clima di benessere lavorativo nelle scuole!

Bisogna mettere gente nuova alla guida dell’USR!!!