Home

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

manifestazione gildaIl Presidente della Regione Bonaccini, all'indomani della sentenza del Tar che dispone la riapertura delle scuole di 2° grado a partire da oggi, ha dichiarato che il lavoro fatto finora avrebbe coinvolto anche i sindacati, evidentemente nessuno lo ha informato che ciò non è avvenuto nei territori delle province di Parma e Piacenza, dove ai tavoli inerenti la situazione scolastica non sono mai state chiamate le organizzazioni rappresentative degli insegnanti, come se la scuola si facesse senza maestri e professori.

La Gilda degli insegnanti di Parma e Piacenza, tramite il suo coordinatore Salvatore Pizzo, rileva ancora una volta che ciò costituisce un ennesimo affronto ai danni del corpo docente. L'ennesimo esempio di come l'amministrazione scolastica del nostro territorio è nelle mani di tecnici che agiscono al di fuori di ogni controllo democratico, anche in questa occasione rinnoviamo l'invito ai vertici territoriali dei partiti di maggioranza governativa, che in questo momento sono Pd e 5 Stelle, ad avviare una sana concertazione con le rappresentanze democraticamente espresse dagli insegnanti e dal personale scolastico. 

Rivendichiamo la primazia dei corpi rappresentativi democraticamente espressi dai cittadini e dal personale dipendente verso la quale i “tecnici”, cooptati nelle posizioni gestionali, devono solo sottostare recependone ed attuandone le indicazioni.