Home

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

"A rischio la firma del CCNI sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie 2017/2018". A dichiararlo è la Gilda degli Insegnanti dopo un incontro molto animato che si è svolto questa mattina

 al Miur tra l'Amministrazione e le organizzazioni sindacali. "Siamo pronti a non siglare il contratto - spiega la Gilda - perché non è stata accolta alcuna delle nostre tre richieste avanzate il 13 luglio scorso riguardanti l'eliminazione dell'obbligo di convivenza per il ricongiungimento al genitore; la possibilità di presentare domanda di assegnazione provvisoria tra comuni diversi della provincia degli aventi diritto; il superamento della limitazione abnorme nel diritto ad esprimere preferenze.

Inoltre l'Amministrazione non ci ha fornito nessuna spiegazione sul motivo del diniego".

"Ancora più assurda la convocazione di questo incontro nell'ultimo giorno utile prima della scadenza dei termini fissati per oggi. Si tratta di un comportamento che denota una mancanza di rispetto nei nostri confronti e - conclude la Gilda - che deteriora ulteriormente le relazioni sindacali".