Home

taglio nastroRecentemente nel corso di qualche happening politico a Piacenza un astante è stato gergalmente identificato come “vice preside”, purtroppo tale carica elettiva a suo tempo espressa dal collegio dei docenti non esiste più è stata soppressa da circa 25 anni, nella scuola di oggi sono previsti incarichi vagamente simili a quello dei vice presidi, che allora erano democraticamente prescelti.

fidenza borgo san donninoLa Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza è solidale con i genitori degli alunni dell’Istituto Comprensivo di Fidenza che recentemente hanno segnalato varie criticità alle autorità scolastiche, anche la Gilda negli ultimi mesi ha presentato vari esposti, purtroppo l’ufficio che in quel di Bologna è preposto a gestire e controllare i dirigenti scolastici andrebbe rifondato dotandolo di energie nuove, una necessità che abbiamo già esternato a vari attori politici i quali per adesso sembrano poco sensibili al delicato problema.

colombini e respighiL’originale decisione dei vertici della Provincia di Piacenza (Partito Deocratico) che, in merito all’allocazione in un campo container di decine di classi di due impostanti istituti della città, i Licei Colombini e Respighi, di non relazionarsi con le legittime rappresentanze del personale scolastico, tra cui anche la Gilda, è stata oggetto di una segnalazione all’Autorità Nazionale Anticorruzione da parte della stessa associazione sindacale dei docenti.

fiorenzuola darda stazioneLe notizie che giungono da Fiorenzuola d’Arda sono gravi, l’area interna polo scolastico Mattei di notte è in balia di spacciatori e sbandati che vi bivaccano, lo testimonia il recente blitz dei carabinieri che lì hanno sequestrato dello stupefacente e materiale utile al confezionamento delle dosi.

infanziaCome avviene nel resto d’Italia anche Parma soffre della mancanza di scuole dell’infanzia sufficienti ad accogliere tutti gli alunni, in tutti questi anni nessuna forza politica si è preoccupata di pretendere dal Ministero dell’Istruzione e del Merito l’aumento delle sezioni per i più piccoli negli Istituti Statali presenti in città, come se quelli che una volta venivano chiamati asili dovessero essere per forza solo comunali o peggio gestiti da privati.