Home

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

infanziaLa figura del "coordinatore pedagogico" non è prevista nella scuola statale e quali mansioni debba avere non è previsto dal CCNL di comparto, per tanto siccome vi è una certa "spinta" della politica locale che deve elargire in tal senso dei fondi, precisiamo che solo su delibera del collegio dei docenti, che definisca esattamente quale sia il ruolo del cosiddetto "coordinatore pedagogico" all'interno di ciascuna scuola, tale figura potrebbe essere introdotta.

Liceo MarconiOggi una delegazione della Gilda degli Insegnanti ha incontrato la Provincia di Parma, ente al quale abbiamo esternato la situazione del Liceo Marconi (2200 alunni divisi su 7 sedi).

Ic ferrari plesso franck e neriSiamo costretti ad intervenire nuovamente nella vicenda dei plessi scolastici “Sergio Neri” ed “Anna Frank”, facenti parte dell’Istituto Comprensivo Statale “Ferrari” di Parma, dopo che fonti dell’Amministrazione Comunale hanno fatto filtrare la notizia che il personale scolastico avrebbe dato un assenso ufficiale al trasferimento temporaneo degli alunni nell’edificio sito in Via Saffi.

Borgotaro istituto comprensivoA seguito dei numerosi quesiti posti alla Gilda degli Insegnanti da docenti che operano nelle scuole statali della Val Taro in merito al ruolo degli enti locali, siamo precisare che le province ed i comuni rispetto agli istituti scolastici statali, hanno due sole competenze: quello della cura degli edifici, il riscaldamento ed ove previsto l’appalto per il servizio di refezione.

invalsiIn questi giorni molti hanno espresso considerazioni relative agli esiti delle prove redatte dall’ente Invalsi che vengono svolte nelle scuole, tutti o quasi restano silenti in merito al fatto che esse vengono gestite da un ente pubblico che di fatto ritiene “legale” lo sfruttamento del lavoro dei docenti, professionisti che non sono dipendenti dell’Invalsi.